Gli straordinari Forfetizzati vanno registrati nel Libro Unico del Lavoro

Gli straordinari Forfetizzati vanno registrati nel L.U.L. (libro unico del lavoro)

E’ quanto emerso dalla risposta a un quesito, rivolto alla Fondazione Studi dei Consulenti del Lavoro che, a sua volta, ha ripreso una precedente FAQ del Ministero del Lavoro, che si esprimeva come riportato di seguito (le parti in blu sono tratte dal testo della faq):
Come ieri nel Libro presenze, oggi nel calendario presenze del Lul, si registrano le effettive ore lavorate nel giorno. La specifica valorizzazione dello straordinario (resa obbligatoria dal D. Lgs. N. 66/2003) va osservata come in passato. Oggi, tuttavia, è più semplice, ben potendosi entro il 16 del mese successivo (nel dicembre 2011, il Decreto Monti ha spostato il termine alla fine del mese successivo), identificare l’ordinaria e la straordinaria prestazione.

L’Obbligo di registrazione sussiste per tutte le categorie di lavoratori?

Solo per le categorie di lavoratori escluse dall’applicazione del D. Lgs. 66/2003 (ai sensi dell’art. 17, comma 5, la cui durata dell’orario di lavoro, a causa delle caratteristiche dell’attività esercitata, non è misurata o predeterminata o può essere determinata dai lavoratori stessi) è consentito sostituire la registrazione dell’effettivo numero di ore lavorate giornalmente con l’indicazione della “presenza” al lavoro, oltre alla valorizzazione causale delle assenze (dirigenti; personale direttivo delle aziende o di altre persone aventi potere decisionale autonomo e in grado di intervenire sull’organizzazione dell’impresa etc..).

Lo scrivente studio applica dal 2003 la registrazione delle ore di eccedenza, avvalendosi di appositi codici causali giornalieri: si invitano le aziende che volessero approfondire l’argomento a contattare il nostro Servizio di Consulenza.

Gabriella Artioli,  Studio Carlo e Augusto Mussi

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>